check this site out little pika freya von doom fucked good. https://porn4days.me

check this site out asian sex diary
5Giugno 2018

Giornata mondiale dell’ambiente; un divieto o una tassa sulla plastica

Giornata mondiale dell’ambiente; un divieto o una tassa sulla plastica

Poiché meno del 10% della plastica viene riciclata, le Nazioni Unite invitano i governi a vietare o tassare i sacchetti di plastica e gli imballaggi per alimenti in plastica.

Lo afferma in una relazione dell’ONU, presentata martedì nella cornice della Giornata mondiale dell’ambiente.

Secondo il rapporto, cinque miliardi di sacchetti di plastica vengono utilizzati in tutto il mondo ogni anno. Se dovessero essere depositati fianco a fianco, un’area sarebbe coperta due volte più grande della Francia.

Secondo Erik Solheim, a capo del programma ambientale delle Nazioni Unite, il “tormento della plastica ha raggiunto ogni angolo del mondo” ricordando che a cento anni dalla sua invenzione ne siamo diventati schiavi, al punto da trovarne traccia ormai ovunque nell’ambiente circostante e nella catena alimentare con microplastiche di cui stiamo ancora studiando gli effetti sulla salute.Una campagna è stata avviata con il governo indiano per ridurre l’uso di plastica. Lo slogan “se non puoi riutilizzarlo, rifiutalo” è collegato a questo.

Il rapporto afferma che solo il 9% dei 9 miliardi di tonnellate di plastica che sono state prodotte è stato riutilizzato. La maggior parte della plastica viene gettata via o finisce nell’ambiente.

In Cina, la maggior parte della plastica viene gettata via, per l’Unione europea e gli Stati Uniti. Gli Stati Uniti producono il massimo della plastica, dopo il Giappone e l’UE.

Misure

Eppure l’ONU vede che c’è un cambiamento nell’uso della plastica. Sessanta paesi hanno adottato misure contro i sacchetti di plastica che vengono utilizzati una sola volta.

Gran parte della plastica scartata finisce nel mare. Perché non è o è solo appena degradabile, continua a galleggiare nel mare per anni. Lì si rompe in pezzi sempre più piccoli, in modo che diverse specie di animali vedano la plastica per il cibo, mangiando e poi morendo. Le tossine che vengono rilasciate dalla plastica entrano anche nella catena alimentare attraverso gli animali che mangiano la plastica.

La scorsa settimana, un pilota esausto è stato trovato in Tailandia, sputando pezzi di plastica. Dopo che i veterani hanno cercato di salvare l’animale per giorni e giorni, è morto lunedì. Durante l’autopsia è apparso che la balena morta aveva ottanta pezzi di plastica nel suo corpo con un peso totale di 8 chili.

 

BY Energie Veronesi 0 Read More
Facebook
Instagram
LinkedIn
Follow by Email
0